Notizie

D35 Trophy 16 anni i ricordi e la chiave di una storia successo

29 Ottobre, 2019

L'equipaggio ricorda l'epopea del D35 Trophy e ne analizza la chiave del successo e la sua longevità. Ernesto Bertarelli "Ho molti ricordi di questi 16 anni del campionato, ma se dovessi sceglierne uno direi la nostra prima vittoria al Bol d'Or (nel 2011) quando al termine di un match race con Michel Desjoyeaux su Foncia, serrato e indeciso fino alla fine, siamo riusciti ad arrivare davanti a loro." Uno dei fattori chiave del successo di questa classe è rappresentato proprio dall'amicizia che lega i proprietari di queste barche. Sono trascorse 16 stagioni e siamo ancora tutti là, le barche ci sono e non hanno mai subito danni di rilievo. Per quanto ci riguarda non abbiamo mai scuffiato! E ci siamo anche divertiti molto." Nils Frei "Ricordo il Bol d'Or del 2011 e le condizioni perfette, veramente una bella regata combattuta dall'inizio fino alla fine e la nostra vittoria finale. Direi proprio un bel ricordo. Il D35 è una barca in grado di vincere il Bol d'Or, questo è importante sul lago. È un'imbarcazione versatile che naviga molto bene in condizioni di vento leggero ma sa anche sfruttare una brezza più intensa. È solida e molto piacevole da condurre. Si timona bene, si riesce a regolare alla perfezione e a mettere a punto facilmente, direi che ha tutti gli ingredienti giusti. Non a caso il campionato è durato 16 anni." Nicolas Charbonnier "Il mio primo ricordo risale alla prima volta che ho visto queste barche. Mi hanno colpito la semplicità e la bellezza dei D35 e le loro prestazioni in condizioni di vento leggero, ne sono rimasto veramente colpito. Un secondo ricordo molto bello è la vittoria al Bol d'Or nel 2017, una bella vittoria su Ladycat, grazie alla 'Bise' il vento di tramontana. Sono delle belle imbarcazioni, molto semplici, facili da condurre anche in condizioni di vento leggero, questo forse ci mancherà." Yves Detrey "É buffo perché i miei ricordi più belli del D35 non sono legati al Bol d'Or, ma devo ammettere che la vittoria del Bol d'Or nel 2017 è proprio un bel ricordo, condizioni di vento e acqua perfette ed in più anche la nostra vittoria. Alla base del successo c'è l'esperienza di un gruppo di persone che ha messo a frutto le sue conoscenze precedenti e ha realizzato una grande barca, capace di ottime prestazioni con poco vento ma che naviga anche in condizioni difficili come nell'edizione del Bol d'Or 2019. Direi un bel successo." João Cabecadas "Ricordo il momento di prendere la decisone di lasciare il circuito dei 41' per iniziare una nuova esperienza su una flotta di monotipi, progettati per il lago ...l'inizio di una bella storia! Una delle cose che ha contribuito di più al successo in tutti questi anni è stato l'ottimo rapporto tra tutti gli armatori e gli equipaggi." Arnaud Psarofaghis "Il mio più bel ricordo nel D35 non è legato ad Alinghi! È successo con Bryan Lors al Bol d'Or del 2012 che abbiamo vinto al ritorno da sud-ovest. Abbiamo avuto un'avaria importante alla randa e abbiamo dovuto disarmarla. Era giunto il momento di forzare. Metà della vela in alto era strappata, siamo riusciti a issarla di nuovo e vincere il Bol d'Or. Una delle ragioni del successo di questa classe? La sua longevità. È durata 16 anni. Tutti gli equipaggi hanno avuto il tempo di fare progressi, di allenarsi e di perfezionare le manovre. C'è stato un bello scambio tra gli equipaggi e questo ha contribuito ad alzare il livello della classe. In questi 16 anni la barca ha avuto pochissime avarie è stata progettata per il lago e per le condizioni di vento leggero tipiche di qui." David Niklès "Per me il più bel ricordo risale all'inverno 2003-04 ossia alla decisone di costruire le barche. Eravamo tutti insieme subito dopo la campagna dell'America's Cup per cui tutti molto motivati. Questa è una buona barca. Ho dato molta fiducia all'architetto Sebastien Schmidt che ha saputo prevedere le potenzialità della barca, e anche al gruppo di armatori che si sono riuniti e accordati per lanciare questa classe di monotipi". Bryan Mettraux "I miei migliori ricordi risalgono a tutte le volte che abbiamo battuto Alinghi, quando ero su un'altra barca. Questo è accaduto sia quando ero su Realteam nel 2012, sia su Team Tilt. Riuscire a battere Alinghi era l'obiettivo principale. Alinghi è sempre stato l'avversario da battere. Il grande successo del D35 deriva anche dal fatto che la barca è stata progettata per navigare sul lago. Il D35 è perfetto per le condizioni meteo locali. Non da meno anche il livello degli equipaggi presenti e di conseguenza il prestigio che ha assunto la classe. Sicuramente ci mancherà tutto questo." Pierre Yves-Yorand "Io di bei ricordi ne ho molti ... In particolare ricordo l'estate del 2003 quando un gruppo di armatori decisero di iniziare questa avventura con i D35 stringendosi la mano attorno a un tavolo. Il successo di questa classe si può imputare anche all'ottima intesa tra tutti i partecipanti, fatto che ha consentito di migliorare sempre di più in una classe monotipo, dove la differenza la fanno la capacità e la professionalità degli uomini e delle donne e non l'imbarcazione."

Il 2017 di ALINGHI: D35 Trophy, Extreme Sailing Series e il primo campionato di classe GC32

23 Gennaio, 2017

In occasione della sua ventitreesima stagione sportiva, Alinghi sarà sulla linea di partenza di due circuiti e difenderà il suo titolo di campione della classe GC32, partecipando anche a una nuova edizione del campionato dei catamarani volanti. Alinghi, che affronterà alcuni tra i più prestigiosi team del mondo, mira alla sesta vittoria nel D35 Trophy e a vincere per la quarta volta il circuito delle Extreme Sailing Series. Ernesto Bertarelli delinea il pensiero di Alinghi in vista della stagione 2017: "Lo spirito di Alinghi è stato forgiato dalle nostre imprese e dalle vittorie sul lago di Ginevra, già molto tempo prima della conquista dell'America's Cup per due volte consecutive. Per questa ragione la nostra partecipazione al D35 Trophy non è mai stata in discussione. Noi veniamo da li, è il nostro DNA e, qualsiasi siano i miei programmi, considero una priorità partecipare con Alinghi al D35 Trophy sul lago di Ginevra. I nostri successi sul lago sono molto importanti per noi e, credetemi, vincere grandi regate, come il D35 Trophy o il Bol d'Or, è altrettanto duro e altrettanto gratificante come ottenere risultati sui podi internazionali più acclamati. Per quanto riguarda l'Extreme Sailing Series - prosegue Bertarelli - Alinghi difenderà il suo titolo nel 2017. Siamo i campioni in carica, sappiamo che non sarà facile, perché siamo il team da battere, ma anche perché, e questo è ciò che rende Extreme Sailing Series così uniche, lo standard di tutti i nostri concorrenti è molto alto. Abbiamo visto alcune incredibili performance nel 2016, in particolare da parte di SAP Extreme Sailing Team, Red Bull Sailing Team e Oman Air. Sono stati sempre molto vicini a noi e ci hanno impegnato al massimo fino alla fine. Dal momento che tutti i team continueranno a migliorare, dobbiamo essere ben preparati anche noi. Non vediamo l'ora, inoltre, di partecipare al primo campionato di classe dei GC32, che si svolgerà tra il 28 febbraio e il 5 marzo a Muscat (Oman), al quale prenderanno parte sia i team iscritti nel GC32 racing tour sia quelli che partecipano alle Extreme Sailing Series. Penso si tratterà di un evento davvero emozionante". Alinghi: Lo spirito di squadra è alla base del nostro approccio. Ernesto Bertarelli: "Non è un grande segreto il fatto che la chiave del successo di un team velico sia il lavoro di squadra. Abbiamo una lunga storia di successo, che genera le competenze e la necessaria determinazione a vincere. Navigo con alcuni dei miei compagni di squadra da oltre venti anni; siamo stati anche in grado di integrare alcuni dei migliori giovani velisti della nuova generazione. Abbiamo ingaggiato Arnaud Psarofaghis, ad esempio, che è uno dei migliori talenti velici della nuova generazione. Aveva solo quattordici anni quando Alinghi ha vinto la sua prima America's Cup nel 2003. Oggi ci alterniamo al timone sul CG 32 e regatiamo insieme nel D35 Trophy sul lago di Ginevra. Alinghi ha un'etica di squadra superba, un concetto che ho sempre messo in prima linea in tutto quello che cerchiamo di fare. Non stiamo parlando semplicemente di velisti su di una barca, ma anche una squadra tecnica fantastica e di un allenatore che non è secondo a nessuno. E' proprio la ricchezza e la varietà delle esperienze di ciascun membro del team, che offre valore aggiunto ad Alinghi. Ogni membro può condividere ed esprimere le proprie esperienze e le idee con il resto della squadra. Trascorriamo molto tempo insieme: questo ci aiuta a imparare sempre di più l'uno dall'altro e permette a tutti di condividere le proprie idee. In questo modo entrano in gioco anche il duro lavoro e l'esperienza maturata negli anni scorsi; tutte le ore e le ore di formazione vissute insieme sul lago si concretizzano. In conclusione, credo che uno dei nostri punti di forza sia la capacità di metterci in discussione e di imparare dagli errori: in questo modo diventiamo più forti. Non potrei essere più orgoglioso della nostra squadra". Arnaud Psarofaghis: "Condividiamo ogni parola di Ernesto. Noi crediamo in assoluto nel lavoro di squadra. Per me, è una grande emozione regatare con il team che sognavo come ogni bambino che cresce sulle rive del Lago di Ginevra. La vittoria 2016 nel circuito delle Extreme Sailing Series a Sydney, è stato un grande momento, abbiamo lavorato a lungo per questo e sappiamo che l'anno prossimo sarà più difficile. Credo comunque che ci siano diverse aree in cui di miglioramento per il nostro team e ci impegneremo in questo senso". Il team - 14° anno di partecipazione D35 Trophy (con tredici podi, tra i quali cinque vittorie) - 7° anno nelle Extreme Sailing Series (con quattro podi e tre vittorie) L'equipaggio di Alinghi rimarrà lo stesso del 2016 e sarà composto da: Ernesto Bertarelli e Arnaud Psarofaghis condivideranno le responsabilità come co-skipper e co-timonieri sul CG 32, mentre sul D35 Ernesto sarà al timone e Arnaud regolerà la randa. Nicolas Charbonnier, medaglia di bronzo olimpica nella classe 470, sarà il tattico sia sul D35 e sia sul CG 32. Nils Frei, che per primo ha regatato a bordo di Alinghi nel 2001, continuerà il suo ruolo di regolatore del fiocco sia sul D35 sia sul CG 32. Yves Detrey, che ha fatto parte delle campagne di America's Cup del 2003, 2007 e 2010 di Alinghi, è il prodiere sia sul D35 e che sul CG 32. Timothé Lapauw, il più giovane della squadra a soli 20 anni di età e che ha esordito la scorsa stagione, coprirà ancora una volta il ruolo di aiuto prodiere sul CG 32. Coraline Jonet, che ha fatto parte del team di ospitalità di Alinghi durante la 32a e la 33a America's Cup, è entrata a far parte del team del D35 nel 2008 e sarà, anche quest'anno, il secondo prodiere sul D35. Pierre-Yves Jorand, da lunga data membro dell'equipaggio di Alinghi, continuerà a fornire la sua guida come allenatore e leader della squadra, affiancato da due esperti tecnici come David Nikles, João Cabeçadas e Claudy Dewarrat. Il calendario sportivo 2017 D35 Trophy Grand prix d'ouverture – Société nautique de Genève: 5–7 maggio. Grand prix Realstone – Club nautique de Versoix: 20 - 21 maggio. Open de Versoix – Club nautique de Versoix: 9 - 11 giugno. Genève-Rolle-Genève – Yacht Club de Genève < > Rolle: 10 giugno. Bol d'Or Mirabaud – Société nautique de Genève < > Le Bouveret: 17- 18 giugno. Open du Yacht Club – Yacht Club de Genève: 2 - 3 settembre. Grand prix Alinghi de Crans – Club nautique de Crans: 9 - 10 settembre. Grand prix de clôture – Société nautique de Genève: 22 - 23 settembre. Extreme Sailing Series Act 1 – Muscat, Oman: 8 - 11 Marzo. Act 2 – Qingdao, Cina: 28 aprile – 1 maggio. Act 3 – Madeira, Portogallo: 29 giugno – 2 luglio. Act 4 – Europa (località tbc): 20 - 23 luglio. Act 5 – Hamburg, Germany: 10 – 13 agosto. Act 6 – Cardiff, UK: 25 – 28 agosto. Act 7 – San Diego, USA: 19 – 22 ottobre. Act 8 – Los Cabos, Messico: 30 novembre – 3 dicembre. GC32 Class Championship Muscat, Oman: 28 febbraio – 5 marzo il calendario sportivo 2017 di Alinghi è al link: https://www.alinghi.com/calendar Alinghi: tutti i successi 1997: 1a vittoria al Bol d'Or. 2000: 2a vittoria al Bol d'Or. 2001: 3a vittoria al Bol d'Or (con consegna del Challenge Bol d'Or per le tre vittorie). 2001: Campione del Mondo classe Farr 40. 2001: Vincitore dell'America's Cup Jubilee. 2002: 4a vittoria al Bol d'Or. 2003: Vincitore delle Louis Vuitton Challenger's Series per l'America's Cup. 2003: Vincitore della 31a edizione dell'America's Cup. 2003: 5a vittoria al Bol d'Or. 2004-2007: Vincitore degli Act 3, 4, 6, 7, 8, 9, 11 e 13 della Louis Vuitton. 2007: Vincitore della 32a edizione dell'America's Cup. 2007: 1a vittoria nel D35 Championship. 2008: 2a vittoria nel D35 Championship. 2008: Vincitore del Trophée Clairefontaine. 2008: 1a vittoria nel circuito delle Extreme Sailing Series. 2009: 3a vittoria nel D35 Championship. 2011: 6a vittoria al Bol d'Or. 2013: 4a vittoria nel D35 Championship. 2014 2a vittoria nel circuito delle Extreme Sailing Series. 2014: 5a vittoria nel D35 Championship. dall' aprile 2016: record di velocità sul GC32, con 39.2 nodi. 2016: 3a vittoria nel circuito delle Extreme Sailing Series.   Per ulteriori informazioni: www.d35trophy.com www.extremesailingseries.com Referenza fotografica: Loris Von Siebenthal & Lloyd Images