Regate:

GC32 Racing Tour

Il GC32, uno dei monotipi più veloci al mondo, è un catamarano "volante" che regala adrenalina pura e uno dei monotipi più veloci al mondo. Nella stagione 2015, Alinghi ha già avuto il piacere di partecipare al nuovissimo GC32 Racing Tour, circuito nel quale il team è tornato a regatare nel 2019, vincendolo.

LA REGATA

Nel 2014 è nato un nuovo circuito one-design: il GC32 Racing Tour, che ha riunito equipaggi di professionisti e armatori timonieri. Il format prevede una media di cinque eventi che si disputano in Europa ogni stagione.
Quando le condizioni meteorologiche lo consentono, le regate si svolgono vicino alla costa per offrire agli spettatori uno spettacolo mozzafiato, proprio grazie a queste macchine volanti. Nel cambio di barca con il passaggio al catamarano con i foil, Alinghi ha partecipato al circuito nel 2015, terminando al secondo posto dietro Oman Air.

Dopo tre stagioni disputate nel circuito delle Extreme Sailing Series (dal 2016 al 2018), Alinghi è tornato nel 2019 nel GC32 Racing Tour, vincendolo davanti a un certo Oman...

Scopri il circuito GC32 >

LA BARCA

Il GC32 è un'imbarcazione monotipo che prevede che tutte le vele utilizzate siano identiche tra loro e che i team utilizzino lo stesso numero di vele durante la stagione. I foil principali sono grandi per consentire il sollevamento in un'ampia varietà di condizioni anche nell'andatura di bolina, sebbene in questo caso siano necessari almeno 18-20 nodi. I foil non sono idraulici, quindi i team devono regolarli manualmente. L'ennesima prova che sono gli equipaggi a dover sfruttare al meglio le imbarcazioni.

  • Lunghezza (complessiva): 12,00 m
  • Lunghezza (scafo): 10,00 m
  • Baglio: 6,00 m
  • Peso: 975 kg
  • Pescaggio (J foils): 2,10 m
  • Pescaggio (timone): 1,60 m
  • Altezza albero (sopra ponte): 16,50 m
  • Lunghezza bompresso: 6,60 m
  • Randa: 58,00 m²
  • Piccolo fiocco: 19,00 m²
  • Grande fiocco: 24,00 m²
  • Gennaker: 88,00 m²

GC32 Racing Tour Notizie

Alinghi conclude il 2019 con il triplete

9 Novembre, 2019

Dopo aver conquistato il titolo di campione del mondo GC32 a Lagos in Portogallo e per l'ottava volta in 16 stagioni il D35 Trophy sul lago di Ginevra, Alinghi, il team svizzero di Ernesto Bertarelli, vince anche il campionato 2019 del GC32 Racing Tour, che si è concluso oggi a Muscat nel golfo di Oman. Dal 6 al 9 novembre, la città di Muscat nella penisola arabica ha ospitato il quinto e ultimo evento del GC32 Racing Tour 2019. I sei team iscritti hanno regatato in diverse condizioni meteo, inizialmente con poco vento, poi con vento forte e onde che hanno reso le regate sempre più impegnative. Alla vigilia dell'evento, erano soltanto due i team che potevano aggiudicarsi il titolo stagionale: Alinghi e i padroni di casa di Oman Air, con tutti gli altri avversari esclusi dalla possibile conquista del primo posto. i due rivali Oman Air e Alinghi avevano pertanto lo stesso obiettivo: finire l'uno davanti all'altro, qualunque fosse stata al termine la loro posizione in classifica generale. Al termine di 17 regate disputate in quattro giorni (di cui nove vinte da Alinghi), il team svizzero di Ernesto Bertarelli ha vinto aggiungendo al suo palmares il primo titolo di "GC32 Racing Tour", sulla scia di quello vinto nel 2018 nelle Extreme Sailing Series, sempre a bordo di un catamarano GC32. Zulu e Red Bull hanno completato il podio di questo evento. Nella classifica generale finale della stagione, Oman Air è arrivato secondo, seguito da Red Bull. Zoulou termina al quarto posto e primo nella classifica degli armatori timonieri. Ernesto Bertarelli, skipper del D35 e del GC32: "Complimenti al team per il lavoro svolto nel corso di tutta la stagione, soprattutto nei momenti chiave come quelli che hanno caratterizzato questi ultimi giorni. Complimenti anche a Zoulou, il team di Erik Maris, che firma un bel secondo posto in Oman. Il GC32 Racing Tour è il circuito di regate di catamarani monotipo più impegnativo al mondo. Questo si traduce in regate sempre che sono sempre molto intense e combattute. Per vincere non bisogna trascurare neanche il più piccolo particolare e questo è quello che il nostro team fa ogni giorno. Abbiamo vinto il GC32 Racing Tour 2019, siamo i campioni del mondo in carica sempre in questa classe e abbiamo vinto il nostro ottavo D35 Trophy in 16 stagioni sul lago di Ginevra. Quest'anno abbiamo realizzato una tripletta raggiungendo tutti i nostri obiettivi. É fantastico." Arnaud Psarofaghis, co-skipper di GC32 "Guardando il punteggio finale, si potrebbe pensare che questa vittoria sia stata facile, in realtà stamattina il risultato era ancora tutto in gioco. Anche con 10 punti di vantaggio, infatti, non si sa mai cosa può accadere in regata. Lo dimostra ad esempio quanto accaduto stamattina con la collisione tra Oman Air e Zulu, con quest'ultimo che è dovuto tornare in porto rapidamente per essere portato a secco a causa dei danni subiti. Non è mai possibile perdere la concentrazione: è necessario regatare sempre con la massima attenzione. Per me, è la squadra che ci fa vincere tutto l'anno. Tutti nel team sono importanti, come David che è riuscito a riparare la nostra barca durante la notte due giorni fa." Nils Frei, allenatore "Il nostro gruppo ha un grande spirito di squadra e siamo stati in grado di rimanere concentrati nei momenti chiave. La squadra è forte sia tecnicamente sia mentalmente, è essenziale cercare vittorie e continuare a vincere." Pierre-Yves Jorand, direttore del team "Quando le condizioni sono difficili e la pressione aumenta, i ragazzi sono sempre in grado di garantire le loro qualità. Durante il campionato del mondo a giugno o qui in Oman, non era possibile sbagliare e loro hanno navigato in modo superbo. Congratulazioni ai velisti, al team tecnico e grazie a tutti coloro che ci supportano ogni giorno, amici, famiglie, partner, a quella parte del team che rimane in ufficio e, naturalmente, un grande ringraziamento a Ernesto che ha reso possibile tutto ciò. Non vedo l'ora di affrontare le sfide per il 2020! " Le regate sui catamarani foiling rimangono, anche per il 2020, l'obiettivo di Alinghi, che si augura che la flotta del circuito GC32 sia sempre più numerosa l'anno prossimo. Nei prossimi mesi intanto il team si concentrerà nella preparazione del suo nuovissimo catamarano foiling TF35, in vista del lancio della nuova classe nella primavera del 2020 sul lago di Ginevra. Cliccare qui per tutte le classifiche della stagione 2019. Per saperne di più gc32racingtour.com #gc32racingtour #GoAlinghiGo Credit foto © Sailing Energy/GC32 Racing Tour & © Lloyd Images

Oman Air un gradino più in alto, Alinghi è secondo

4 Agosto, 2019

132 imbarcazioni distribuite in quattro aree di regata, 26 nazionalità e circa 1.500 velisti si sono dati appuntamento a Palma di Maiorca per la tradizionale Copa del Rey, per la sua 38ma edizione. La terza tappa del circuito GC32 Racing Tour fa un'eccezione nel calendario annuale e si ritrova a Palma di Maiorca, insieme ad altre 10 classi di barche, per una settimana di regate ben organizzate dal Real Club Nautico di Palma. Come sempre, la baia di Palma di Maiorca ha offerto ottime condizioni meteo, consentendo lo svolgimento di 20 regate del programma dei GC32. Questa volta, è Oman Air a mostrare regolarità e un buon controllo del catamarano foiling. La battaglia in acqua tra i Alinghi e Oman Air ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all'ultima regata della serie, quando tutte le possibili opzioni della classifica erano ancora matematicamente aperte! Oman Air ha tenuto duro vincendo le ultime due prove della giornata conclusiva, raggiungendo un totale di dieci vittorie, mentre Alinghi si è fermato a sette. Cinque piccoli punti separano i due rivali dopo quattro giorni combattutissimi, che i fan delle nostre storie su Instagram ricordano perfettamente per averli vissuti in diretta. Yves Detrey, prodiere: "L'ultimo giorno di regate contro Oman Air è stato molto intenso. Loro hanno cercando di farci perdere terreno quando erano davanti e noi abbiamo fatto lo stesso quando eravamo in testa. Per quanto riguarda il risultato finale, possiamo soltanto assumerci le colpe per non aver navigato molto bene nei primi due giorni. In una flotta come la nostra conta la regolarità: se vuoi vincere, devi regatare bene dall'inizio alla fine. Oman Air l'ha fatto. Hanno vinto, è lo hanno meritato. Penso che non sia semplice vincere sempre quando regatiamo. Dobbiamo essere consapevoli degli errori fatti e continuare a imparare. A Riva del Garda a settembre, non dovremo attaccare l'Oman dall'inizio. Dovremo regatare con il nostro stile, manovrando come sappiamo e facendo la nostra strategia come abbiamo sempre fatto nel mondo. Tutto andrà bene." Pierre-Yves Jorand, direttore del team: "Oman Air ha tenuto un livello molto alto per tutto l'evento in termini di prestazioni, manovre, strategia e anche nelle partenze durante queste 20 regate che sono state caratterizzate da condizioni diverse anche molto diverse. Da parte nostra, abbiamo regatato un pò al di sotto dei nostri standard. Non stiamo cercando scuse, tuttavia abbiamo avuto un inizio intenso della stagione con il campionato del mondo che è stato il nostro primo grande obiettivo. Direi anche che regatare a Palma di Maiorca con una flotta numericamente più piccola (6 barche invece di 10), potrebbe avere influito. In effetti, abbiamo commesso alcuni piccoli errori di posizionamento il primo giorno, siamo stati meno incisivi di Oman Air in momenti chiave come le partenze e abbiamo avuto difficoltà a trovare stabilità il secondo giorno in una situazione di mare con onda. Sappiamo cosa dobbiamo fare per vincere il prossimo evento. Abbiamo le soluzioni. Sta a noi applicarle e offrire prestazioni migliori per quattro giorni consecutivi." È possibile vincere ogni regata? "Negli sport a motore di alto livello, sembra difficile. La vela è uno sport meccanico e uno sport di squadra. É necessaria una prestazione individuale nella quale ogni membro del team sia in grado di offrire il meglio di sé: in questo modo la maionese monta. Tutti devono essere sulla stessa lunghezza d'onda. Penso che Oman Air abbia reagito molto bene dopo l'evento di Lagos in Portogallo (avevano terminato al quinto posto, un vero riscatto, n.d.r.). Sono stati ispirati dalle nostre manovre, hanno studiato il nostro gioco e sono arrivati qui con un quel quid in più che serve per avere successo. Come in qualsiasi sport di alto livello, quel pò di più può essere sufficiente per essere vincenti. Ma attenzione, non vedo alcuna rivoluzione da fare da qui al Lago di Garda. Dovremo semplicemente riuscire ad allinearci sui nostri standard migliori come abbiamo fatto per cinque tappe lo scorso anno e come è successo a Lagos in Portogallo un mese fa, quando abbiamo vinto il Campionato del Mondo."   Dopo le tre tappe disputate e dopo la vittoria a Palma di Maiorca, Oman Air è in testa nella classifica generale della stagione con cinque punti, gli stessi di Alinghi che è secondo. Il prossimo futuro riserverà sicuramente altri duelli serrati tra i due principali contendenti per conquista della vittoria finale del circuito 2019. Red Bull segue al terzo posto con 12 punti. Da oggi, dopo aver disarmato il GC32, il team si ritroverà in Svizzera per continuare nella preparazione e nella messa a punto del nuovissimo TF35 appena arrivato alla Société Nautique de Genève. I primi test di navigazione sono previsti per la metà agosto. Dal 30 agosto al 1° settembre si disputerà il quinto evento 2019 del D35 Trophy, organizzato dallo Yacht Club di Ginevra. Cliccare qui per la classifica generale della 3a tappa del GC32 Racing Tour, dopo 20 regate. Per maggiori informazioni gc32racingtour.com #gc32racingtour #GoAlinghiGo Per informazioni sul GC32 Racing Tour, sulle regole, il calendario completo degli eventi e la composizione del team, cliccare qui. Crédit foto © Sailing Energy/GC32 Racing Tour

2° posto nell’evento di apertura della classe GC32

26 Maggio, 2019

Come già annunciato, il team ha iniziato una nuova stagione sui catamarani GC32 a Villasimius nel sud della Sardegna su un circuito diverso rispetto all'anno scorso. Finite dunque le Extreme Sailing Series, benvenuti al GC32 Racing Tour. Da lontano, nulla è cambiato, le barche sono le stesse così come la maggior parte delle persone in banchina, e il gioco è sempre quello di girare delle boe. Ma basta approfondire un pò, e ci rendiamo conto che i percorsi sono più lunghi, quindi hanno una durata maggiore, c'è un maggior numero di imbarcazioni iscritte, che alcuni alcuni dei velisti hanno cambiato squadra, che l'ultima regata della serie non vale più doppio punteggio, ecc. E infine, realizziamo anche che non ha mai piovuto così tanto in due giorni, neanche a Cardiff ☺. In poche parole, tutti questi piccoli particolari messi insieme cambiano le carte in tavola e, una volta compresa l'importanza di ciascuno, ci rendiamo conto che saranno necessarie alcune sessioni di debriefing e altre ancora in navigazione per vincere. Nicolas Charbonnier, tattico: "Con i percorsi più lunghi, abbiamo più tempo per sfruttare con le oscillazioni e l'intensità del vento. Si manovra di meno e bisogna concentrarsi sulla velocità della barca. Siamo tutti consapevoli che avremmo potuto fare un pò meglio, evitando alcuni errori. Immagino che diranno lo stesso su altre barche perché sappiamo che dobbiamo fare tutto il possibile per vincere." Arnaud Psarofaghis, co-timoniere: "La classifica è abbastanza logica. Abbiamo navigato con Oman e Ineos tutta la settimana. Sappiamo come fare vincere le regate e abbiamo i mezzi per riuscirci, continuando a fare delle buone partenze e a navigare veloci." Pierre-Yves Jorand, direttore del team: "Per compensare l'assenza di Tim, infortunato, il team ha dovuto riorganizzarsi al suo interno. Conosciamo l'importanza delle specificità di ogni posizione e grazie all'allenamento fatto nella nuova configurazione, l'equipaggio si è adattato piuttosto bene e farà tesoro del lavoro fatto nelle diverse posizioni a bordo. Abbiamo anche dovuto affrontare alcuni piccoli problemi tecnici che analizzeremo nel dettaglio in modo che non si ripetano più. Alcuni di questi sono probabilmente legati al format delle regate del GC32 Racing Tour, che sono più lunghe rispetto a quelle delle Extreme Sailing Series dello scorso anno. L'equipaggio di Oman Air ha regatato molto bene, complimenti a tutti loro. Sono stati sempre molto regolari e hanno trovato le soluzioni corrette per recuperare nelle situazioni in cui si sono trovati in difficoltà. Anche noi ci siamo riusciti, ma loro lo hanno fatto un po' meglio." Domani il GC32 di Alinghi tornerà nel container per partire per Lagos, in Portogallo dove, dal 27 al 30 giugno prossimi, si svolgerà il campionato del mondo della classe, evento che vale anche come seconda tappa del circuito annuale. Nel frattempo, il team si trasferirà sul Lago di Ginevra per partecipare, sabato 8 giugno, alla Ginevra-Rolle-Ginevra a bordo del D35. Cllicca qui per i risultati finali dopo 16 regate. Per maggiori informazioni gc32racingtour.com #gc32racingtour #GoAlinghiGo Per informazioni sul GC32 Racing Tour, sulle regole, il calendario completo degli eventi e la composizione del team, cliccare qui. Crédit foto © Sailing Energy/GC32 Racing Tour