Bryan Mettraux

Regolatore delle vele di prua sul D35 & sul GC32

Data di nascita:
23 Luglio 1990
Nazionalità:
Svizzera

Bryan è il “novellino“ del team per il 2019, ma vanta già un bagaglio di esperienza da non sottovalutare: tra l’altro ha già vissuto un’esperienza con Alinghi a soli 14 anni salendo a bordo del D35 per partecipare a una sessione di allenamento.

Bryan ha debuttato nella classe Optimist a Versoix quando era ancora molto giovane, per poi continuare la sua formazione su altre derive (420,49er) e su imbarcazioni a chiglia (Surprise e Farr 30). Bryan ha una naturale predilezione e interesse per il disegno tecnico e per l’architettura e per questa ragione si è messo in gioco come apprendista nel cantiere navale di Philippe Durr. Parallelamente si è fatto strada sul campo nella messa a punto delle barche al Centre d’Entrainement à la Régate (CER) e ha continuato imparare navigando con i suoi coetanei.

Ed è proprio al CER che Bryan è arrivato, come lui stesso riconosce, “nel posto giusto al momento giusto. Jérôme Clerc e Etienne David mi hanno offerto un’opportunità fidandosi di me”, per quello che si è dimostrato essere il suo cancello d’ingresso nel mondo della vela professionale. Ciò che ne seguì furono stagioni come prodiere per team come Realteam e Tilt e un CV sempre più ‘pesante’: due titoli al Swiss Match Racing Championship, due Trofei D35 (2012 e 2015), una vittoria come non professionista al Tour de France (2012), un quarto posto alla Youth America’s Cup nel 2013, tre Bol d’Or, un campionato GC32 Racing Tour nel 2017, un titolo di campione del Mondo di GC32 e nelle Extreme Sailing Series nel 2018. Più reentemente, nel 2019, ha vinto un altro titolo mondiale nei GC32 questa volta a bordo di Alinghi.

Nel corso di questi anni, Bryan ha continuato a lavorare a Durr durante la stagione invernale. Si è anche avvicinato all’insegnamento durante gli allenamenti al CER con diversi equipaggi di derive.
Nel suo tempo libero, va in acqua a bordo di un Moth, pratica differenti sport e adora leggere.
Quando gli è stata chiesta la sua posizione preferita a bordo ha risposto che se potesse vorrebbe avere “un ruolo diverso ogni giorno”.

Versatile e prestante, giovane ma già con un buon bagaglio di esperienza, Bryan, che si è sempre autodefinito un costruttore di barche, potrà sicuramente rispondere di essere un velista la prossima volta che qualcuno gli chiederà qual'è la sua professione.

Compagni di squadra di Bryan Mettraux