Regate:

D35

La classe D35 è stata sviluppata in risposta ai costi e alla continua estremizzazione crescita delle classi di multiscafi monotipo diffuse sul lago di Ginevra. Un gruppo di proprietari, tra cui Ernesto Bertarelli, si sono incontrati con il designer Sebastien Schmidt per realizzare un catamarano monotipo hi-tech, veloce, ma accessibile. Nel 2004 sono state varate le prime otto barche. Da allora la classe è cresciuta a un ritmo incalzante.

THE RACING

Al momento del varo dei primi D35 nel 2004 è stato organizzato un circuito annuale. Il Julius Baer Challenge combinava le regate classiche del lago di Ginevra, tra cui il Bol d'Or, con diversi eventi Grand Prix esclusivi della classe D35. 

Conosciuto fino all'anno scorso con il nome di trofeo Vulcain, il campionato è oggi noto come D35 Trophy. Oltre al Bol d'Or , la regata classica in cui si percorre l'intera lunghezza del lago di Ginevra, il D35 Trophy include Genève-Rolle-Genève, Versoix Open e altri cinque Grand Prix nel corso dell'estate. Poiché per ogni evento vengono assegnati dei punti, la lotta per il primo posto nel campionato è spesso molto combattuta.

Alinghi è orgoglioso di detenere sette titoli del D35 Trophy e porta avanti la fiera tradizione velica del lago di Ginevra.

Scopri il trofeo D35 >

LA BARCA

Il design del catamarano D35 è un'evoluzione del lavoro precedente di Sebastien Schmidt, il 40 piedi Le Black di Alinghi, caratterizzato da uno scafo centrale utilizzato per tenere unita la struttura e resistere alle sollecitazioni della piattaforma e delle manovre. Grazie a una struttura leggera combinata con un albero con ala, che può essere ruotato fino a 45°, e una superficie velica di 230 m², la barca può raggiungere una velocità massima di 27 nodi circa.

  • Cantiere: Décision SA
  • Lunghezza (complessiva): 14,95 m
  • Lunghezza (scafo): 10,81 m
  • Larghezza (complessiva): 8,74 m
  • Larghezza (scafo): 6,89 m
  • Peso a secco: 1.200 kg
  • Superficie randa: 81,6 m²
  • Superficie Solent: 40,7 m²
  • Superficie drifter: 80 m²
  • Superficie gennaker: 150 m²
  • Velocità massima: 27 nodi
  • Equipaggio: mini 5 - maxi 7, 470 kg (massimo) 

D35 Notizie

Un risultato raro e da non ripetere

3 Settembre, 2018

Che si vinca o si perda, è fondamentale fare una critica oggettiva e poi saperla saperla applicare alle proprie prestazioni. È esattamente in questa ottica che il risultato conseguito dal team nell’Open du Yacht Club va analizzato. La regata, che segnava la ripresa della seconda metà della stagione D35, ha visto Alinghi finire al nono posto in una classifica di nove equipaggi dopo le quattro regate dell’evento, concluse prima che un forte vento privasse la flotta della possibilità di riscatto con le ultime regate del programma. Senza perdere tempo cercando giustificazioni, condividiamo con voi l'accaduto: Ernesto Bertarelli, skipper: "Dopo l’infortunio di Nils la scorsa settimana a Cardiff, abbiamo dovuto resettare il nostro team D35. Arnaud è passato dalla randa al fiocco, prendendo il posto di Nils, mentre Pierre-Yves è salito a bordo per regolare la randa. Due cambiamenti di ruolo in un team di sei persone, devono prevedere un inevitabile periodo di adattamento, per non parlare delle difficoltà di comunicazione a bordo. Tutto questo ha un impatto ancora più grande quando ti trovi in una situazione di vento molto forte, come abbiamo avuto modo di sperimentare durante questo Grand Prix. Abbiamo fatto errori che ordinariamente non avremmo mai commesso e, con una flotta così compatta e competitiva, errori del genere si pagano molto. Alla fine, abbiamo osato troppo per recuperare e viste le poche regate rimaste, non era più possibile tornare in gioco. Vorrei congratularmi con il team di Zen Too, i vincitori di questo evento, che hanno dimostrando ancora una volta le loro abilità con vento forte.” Nicolas Charbonnier, tattico: "Per due regate abbiamo sbagliato navigando troppo vicini ai nostri avversari e la giuria ci ha penalizzati. Così, nello spazio di qualche secondo, ci siamo ritrovati in fondo alla flotta senza alcuna possibilità concreta di recuperare terreno, specialmente in una regata one-design e in queste condizioni di vento. Anche le nostre partenze non sono state delle migliori, ma ci lavoreremo questa settimana per ritornare tra qualche giorno più forti che mai”. Quando mancano soltanto due eventi alla fine del D35 Championship 2018, Alinghi è sempre al comando della classifica provvisoria, seguito da Zen Too e Ylliam-Comptoir Immobilier. Il team vi aspetta in occasione del prossimo fine settimana all’ "Alinghi Grand Prix", che si terrà sulle acque di Crans-près-Céligny dal 7 al 9 settembre. Clicca qui per la classifica generale Per maggiori informazioni d35trophy.com hashtag dell'evento #GoAlinghiGo // #D35Trophy Se sei interessato a maggiori informazioni sul tracking system delle regate, sulla composizione del team e sulle regate di Alinghi in generale, clicca qui. Credit foto © Loris Von Siebenthal

Bol d'Or: un'80ma edizione veramente 'lemanica'

10 Giugno, 2018

Poco prima della partenza in tanti avevano previsto un possibile arrivo intorno a mezzanotte. A mezzanotte e qualche minuto, quattro D35 erano praticamente sulla stessa linea a pochi metri dal traguardo davanti alla SNG ... senza vento! Il tempo passa, i minuti passano … e alla fine è Mobimo che vince l’80a edizione del Bol d'Or Mirabaud partito alle 10.00 di sabato mattina con 543 concorrenti al via. Al secondo posto Okalys Youth Project, al terzo Ylliam-Comptoir Immobilier, mentre Alinghi ha concluso in quarta posizione. Dopo aver animato la testa della regata a lungo, le 137 partecipazioni cumulative al Bol d’Or dell'equipaggio di Alinghi ((25 per Ernesto, 38 per Pierre-Yves, 17 per Arnaud, 7 per Nicolas, 20 per Nils e 30 per Yves). non sono state sufficienti per fare la differenza. Dopo 14 ore di regata, la vittoria finale si è giocata davvero negli ultimi metri ... Ma secondo il parere di tutti (e anche del vincitore!), la fortuna fa anche la sua parte in questo tipo di regate che si svolgono di condizioni del vento molto leggero. Il team è ovviamente un pò deluso dopo aver tagliato il traguardo …ma questo è "il Bol". Nils Frei, regolatore delle delle vele di prua: “E’ stata una regata molto classica con il Séchard prima, poi il Rebat e a seguire la transizione e la bonaccia ... Alla fine ce stata anche la componente della fortuna, altrimenti sarebbe impossibile vincere. Abbiamo fatto un buona regata tra i primi tre, ma tutto è finito come nel più classico dei Bol d'Or." Nicolas Charbonnier, tattico a bordo di Alinghi: “Questa evento è senz’altro più divertente quando c'è vento e si finisce alle 15.00 o alle 17.00, ma è stata comunque una bellissima regata. Abbiamo avuto un percorso davvero in linea con le famose condizioni del Lago di Ginevra e una classifica che è cambiata tante volte fino poco prima del traguardo. Ci sono anni in cui l’inizio della regata è molto importante con barche che subito dopo la partenza ottengono un vantaggio importante e lo mantengono fino alla fine. Quest’anno la regata si è decisa da Bouveret in poi. Rimanere concentrati per tutta la durata? Non è un problema, non guardiamo l'orologio. Siamo così presi dalla competizione che non vediamo passare il tempo!" Pierre-Yves Jorand, team manager e grinder a bordo: "E 'stata una regata in cui ci sono stati molti sorpassi e cambi di leadership, ed è stato spesso necessario riposizionarsi, proprio come quando stai regatando in un Grand Prix in realtà. Era necessario cercare le giuste traiettorie, le posizioni favorevoli, e sapere come cambiare strategia quando necessario. Il ritorno a Ginevra non è stato facile. Gli avversari si stavano avvicinando e all'ingresso del piccolo lago non c'erano molti indizi per capire il comportamento del vento. Mobimo ha fatto un'incredibile rimonta e ci ha messo tutti in fila all'ultima boa poco prima del traguardo. Noi ci abbiamo creduto fino alla fine. Abbiamo perso all’ultimo incrocio."  Il team si ritroverà a Barcellona giovedì 14 giugno per il prossimo Act delle Extreme Sailing Series sui GC32 volanti. Clicca qui per tutte le classifiche del Bol d'Or Mirabaud 2018. Per maggiori informazioni d35trophy.com // boldormirabaud.ch  Hashtag dell'evento #GoAlinghiGo // # D35Trophy // # BOM18 Per maggiorni informazioni sul sistema di monitoraggio della regata, sul team e sul circuito in generale cliccare qui. Credit foto ©Toast Prod & Alinghi

GP Di Versoix D35 : consistenza la parola d'ordine e Alinghi vince ancora!

3 Giugno, 2018

Se vi dicessero che 3 x 2 = 1, ci credereste? In pura matematica, forse no. Ma nella vela, è possibile! Alinghi ha conquistato il Gran Premio di Versoix davanti a Racing Django e Swisscom (per gli interessati, abbiamo vinto con tre secondi posti e un quarto, ma il punteggio peggiore delle quattro regate disputate viene scartato ... clicca qui per la classifica). Dopo il successo di ieri nella Ginevra-Rolle-Genève, Alinghi ha quindi vinto due volte questo fine settimana ed è in testa alla classifica generale del D35 Trophy 2018, quando il campionato è arrivato a metà con quattro punti, precedendo Zen Too (16 punti) e Ylliam Comptoir Immobilier (18 punti). Pierre-Yves Jorand, direttore del team: "Questo Gran Premio si è praticamente disputato in un solo giorno con le quattro regate odierne (domenica 3 giugno). Il vento termico è stato insolito e ha influenzato continuamente le posizioni dei concorrenti sul campo di regata: è stato necessario molto impegno e fare scelte tattiche precise: il lato sinistro del campo di regata che era favorito di bolina, non era necessariamente il migliore navigando poi in poppa. Abbiamo vinto il Gran Premio con un solo punto di vantaggio su Racing Django e due su Swisscom. E' stato un evento molto combattuto, noi siamo stati i più consistenti. Con questo fine settimana si conclude un periodo molto impegnativo nel quale abbiamo viaggiato, ci siamo allenati e abbiamo regatato anche con il GC32. Ora avremo tre giorni di riposo prima della preparazione per il Bol d'Or". João Cabeçadas, responsabile tecnico e preparatore della barca, ha dichiarato: "Abbiamo fatto una buona partenza e siamo rimasti praticamente tutto il tempo sul lato destro del lago. Abbiamo gestito al meglio anche i salti di vento e fatto buone manovre, abbiamo controllato i nostri avversari, che erano sempre molto vicini l'uno all’altro nei vari lati del percorso. Da fuori sembra tutto facile, come quando si guarda un ragazzo che pattina ma, in realtà, c'è molto lavoro dietro questa apparente semplicità."   Il team vi aspetta per darvi il benvenuto sabato 9 giugno, alle ore 10.00 per il colpo di cannone dell’80a edizione del Bol d'Or Mirabaud. Per maggiori informazioni d35trophy.com  Hashtag dell'evento #GoAlinghiGo // # D35Trophy Per maggiori informazioni sul D35 Trophy e sul team, è possibile cliccare qui. Credit foto ©Loris Von Siebenthal

D35 Trophy: e due!

22 Maggio, 2018

Dopo il successo al Grand Prix d'ouverture, Alinghi vince ancora al Versoix Open disputando dieci regate, con 4 vittorie e 3 secondi posti, in condizioni di vento leggero tra i 4 e i 12 nodi.  Nicolas Charbonnier, tattico a bordo di Alinghi: "A parte il venerdì, abbiamo avuto ottime condizioni meteo per questo evento. La chiave di lettura corretta è stata quella di raccogliere punti e non mollare mai, anche dopo un brutto risultato. La flotta è molto compatta e tutti gli errori si pagano cari. In un’occasione quando eravamo terzi alla boa di bolina, è bastato un errore per concludere al settimo posto. Un'altra volta per un errore in manovra abbiamo perso il nostro vantaggio su un'altra barca e poi sulla flotta. Tutto si misura sui dettagli. Anche nel prossimo Grand Prix  dobbiamo continuare a regatare a questo livello. Ovviamente non parlerò delle nostre aree di miglioramento, per non rivelare nulla ai nostri avversari ;-) »  Arnaud Psarofaghis, randista a bordo di Alinghi, sottolinea anche la crescita del livello generale: "La flotta diventa ogni giorno sempre più compatta e le classifiche sono davvero più corte. Tre barche hanno concluso l’evento con lo stesso punteggio! Per il futuro, uno degli aspetti sui quali possiamo sicuramente lavorare è quello di essere più sicuri delle nostre scelte sulla boa da girare. In sostanza, se scegliamo un lato del percorso, dobbiamo essere in grado di accettarne i pro e i contro e la vicinanza di altre barche che hanno fatto la stessa scelta, per rimanere in contatto con la flotta." Il team arriva questo martedì sul Lago di Garda per partecipare al Campionato Mondiale GC32 (24-27 maggio). Il D35 Trophy riprenderà dall'1 al 3 giugno, sempre a Versoix, per il Grand Prix. La prima regata lunga della stagione, la Ginevra-Rolle-Ginevra è in programma per sabato 2 giugno. Cliccare qui per la classifica generale del 2° evento dopo 10 prove. Sito ufficiale d35trophy.com Hashtags dell'evento #GoAlinghiGo // #D35Trophy Per maggiori informazioni, clicca qui. Credit foto © Loris Von Siebenthal